L’odontoiatria nel Medioevo.

  • 0

L’odontoiatria nel Medioevo.

  • I Bizantini riferiscono numerosi punti della patologia della bocca e dei denti.
  • Paolo d’Egina (settimo secolo d.c.), descrive l’epulide e propone l’eliminazione del tartaro con strumenti appropriati.
  • Matteo Plateario (1130-1160), inGlossae, sostiene la presenza di vermi nei denti.
  • Guglielmo da Saliceto (1210-1277), nella suaOpere, propone la chirurgia per la cura dei denti; distingue, nel dolore dentario, “la causa calda e la causa fredda”; propone l’oppio ed il giusquiamo per la terapia.
  • La medicina araba intorno all’anno 1000 conosce la tecnica dell’otturazione dentaria con mastice ed allume, dispone di un sofisticato strumentario per l’odontologia e pratica il trapianto dentario; tenta anche di togliere la stomatologia agli empirici per farne una disciplina medico – chirurgica.
  • Avicenna (980-1037), nelCanone, classifica ben quindici tipi di dolore dentario.
  • Abulcasis (936-1013), inChirurgia, disegna lo stumentario odontoiatrico e descrive la tecnica per l’avulsione dentaria.
  • In Francia, nel XIII – XIV secolo gli estrattori di denti erano perseguitati.
  • Nel 1311 un’Ordinanza ingiungeva ai chirurghi di procurarsi titoli e pratica per l’esercizio della professione di dentista.
  • Guy de Chauliac (1300-1367), inChirurgia Magna, acconsente l’avulsione dentaria ai barbieri – chirurghi, ma sotto controllo medico.

 

Anche la medicina, in senso lato, era priva di regolamentazioni specifiche; Federico II nel 1224 emanò un editto precursore nella penisola italica, che prevedeva: “Ut nullus (medicus) audeat practicare nisi in conventu publice magistrorum Salerni sit comprobatus…”. Poi, nel 1349, lo Statuto Fiorentino dell’Arte de Medici e degli Speziali, prevedeva che: “Niuno medico nuovo, o fisico o cerusico, possa, debba o presuma esercitare l’arte della medicina o medicare in fisica o in cerusica nella città di Firenze, il quale non sarà contentato, se prima non sarà examinato pè consoli medici…”

 

  • Michele Savonarola (1384-1462), scrive di odontoiatria in Practica Maior;tratta di terapia conservativa, in particolare di otturazioni dentarie con mastice e piretro.
  • Giovanni D’Arcoli detto Arcolanus (1390-1460), nel trattatoChirurgia Pratica (pubblicato postumo a Venezia nel 1483), espone tecniche di otturazione dei denti, previa pulizia della cavità, con oro.
  • In epoca prerinascimentale, verso il 1450, si diffonde la tecnica dell’otturazione dentaria con foglia d’oro e il cosiddetto Pellicano, complesso ed ingegnoso strumento usato per l’avulsione dentaria.

tratto da Dentistaitaliano

Commenti su Facebook